Cerca

LO SPIEDINO PERFETTO

Home/TECNICA /LO SPIEDINO PERFETTO

LO SPIEDINO PERFETTO

Pasqua, primavera, estate…

Il periodo delle grigliate è iniziato alla grande e una delle preparazioni che raramente manca sulla griglia degli italiani è LO SPIEDINO.

Croce e delizia di ogni griller, lo spiedino colora le griglie e i banchi di macelleria.

Non importa che siano le macellerie di quartiere o dei supermercati.

Il colore degli spiedini attira l’attenzione e fa bella mostra di se, spesso, in tante varianti.

E cosi tra un pezzetto di pollo, un boccone di salsiccia, un quadrato di peperone, un cilindrotto di wurstel e un cubetto di manzo muore la speranza di mangiare bene.

Avete capito bene!

Lo spiedino misto è una cagata pazzesca!

Un aberrazione!

Passiamo la vita a cercare la cottura perfetta di ogni taglio di carne, di cercare di limitare il più possibile la denaturazione delle proteine per mantenere il cibo morbido, saporito e nutriente, e poi mischiamo alimenti che hanno tutti cotture diverse.

Sappiamo che il petto di pollo da il massimo intorno ai 70 gradi o poco meno, il manzo, a seconda del taglio, è ottimo già ai 45 mentre la salsiccia ha bisogno di almeno 75 gradi per sciogliere i grassi ed essere cotta a puntino. Il peperone ha bisogno di raggiungere gli 80° per iniziare a trasformarsi, la cipolla e la patata 85. Il wurstel, che mediamente è pessimo di suo, viaggia a 70 gradi col pollo ma ha tempistiche più lunghe per raggiungerli.

Alla luce di tutto questo capirete che avere una cottura perfetta di tutti gli alimenti è praticamente impossibile. Di sicuro avrete elementi più cotti e altri meno, ma sempre tutti in maniera approssimativa.

Come fare per risolvere il problema?

Semplicissimo, scegliete gli spiedini mono prodotto!

Avete 3 opzioni:

1 – Cominciate a farveli voi scegliendo direttamente le materie prime.

Spiedini monoprodotto vi assicureraqnno una cottura ottimale per ogni taglio di carne e potrete scegliere voi la qualità della materia prima che andrete ad utilizzare.

2 – Diventate l’incubo del vostro macellaio facendogli richieste specifiche. Potreste rischiare di scoprire di saperne più di lui. In ogni caso avrete sicuramente una resa migliore.

3 – Cambiare macellaio e cercare qualcuno che sia sempre aggiornato, che conosca bene il suo lavoro, che abbia voglia di andare oltre il “si è sempre fatto cosi” esattamente come tutti noi.

Indonesiani e abruzzesi ci sono arrivati da un pezzo…

Scherzi a parte, purtroppo i macellai di zona devono fare i conti con la propria clientela. Le macellerie italiane vendono prevalentemente carne magra perchè la maggioranza del mercato vuole quella.

Vende gli spiedini misti perchè la maggioranza della gente compra quelli e non si fa domande.

E il macellaio è li per vendere, per mandare avanti l’azienda e pagare gli stipendi. Fare formazione spesso è difficile e poco redditizio.

Per fortuna sempre più professionisti hanno voglia di crescere, di sapere, di innovare.

Date fiducia a questi, cercate un dialogo, spiegate, fate conoscere e chissà che in futuro non vedremo sparire gli spiedini misti dalle vetrine di tutte le macellerie!

Condividi su:

Sorry, the comment form is closed at this time.